Prestazione medica: consenso informato tra onere probatorio e nesso causale

24 Luglio, 2018

Pubblichiamo, a cura del Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile, una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore civile professionista“Nemo Iudex sine Mediatore”


La dimostrazione dell’assolvimento dell’obbligo di prestare il consenso informato, che si qualifica quale obbligo contrattuale ex art. 1218 cod. civ., grava sulla struttura ospedaliera e la violazione di tale obbligo ha potenzialmente rilievo a prescindere dall’esito favorevole o meno della prestazione medica, in quanto in grado di incidere sulla capacità di autodeterminazione del paziente; la dimostrazione, invece, della sussistenza di un nesso causale tra le lesione del diritto di autodeterminazione e danno effettivamente subito, invece, spetta al paziente, rientrando tale elemento tra gli oneri in capo all’attore qui dicet.

 

Corte di cassazione, Sez. III civ. ordinanza 15 giugno 2018, n. 16324

Corte di Appello di Napoli, sentenza 9 settembre 2015, n. 3164

Rigetta ricorso

#mediazione #mediazionecivile #responsabilitàmedicosanitaria

Cosa si può mediare?

Come posso tutelare i miei crediti con la clausola multistep?

Una risposta alla domande più frequenti

Condividi questo articolo su:

Form

Mettiti in contatto con noi

Contatti

Via Santamaura, 46 00192 – Roma

Tel. 06.47.41.96.7

segreteria@primaveraforense.it

Si informa la gentile Clientela che dal 15/11/2023 sono operative le nuove tariffe stabilite dal D.M. n. 150/2023

×

Ciao!

Clicca sul contatto riportato qui sotto per chattare su WhatsApp o invia una mail a amministrazione@primaveraforense.it

× Come ti posso aiutare?