Costruzione del comproprietario sul suolo comune: le Sezioni Unite compongono il contrasto giurisprudenziale
/
/
Costruzione del comproprietario sul suolo comune: le Sezioni Unite compongono il contrasto giurisprudenziale

Pubblichiamo, a cura del Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile, una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore civile professionista“Nemo Iudex sine Mediatore”


DIRITTI REALI

Costruzione del comproprietario sul suolo comune: le Sezioni Unite compongono il contrasto giurisprudenziale

La costruzione eseguita dal comproprietario sul suolo comune diviene per accessione, ai sensi dell’art. 934 cod. civ., di proprietà comune agli altri comproprietari del suolo, salvo contrario accordo, traslativo della proprietà del suolo o costitutivo di un diritto reale su di esso, che deve rivestire la forma scritta “ad substantiam”.

Il consenso alla costruzione manifestato dal comproprietario non costruttore, pur non essendo idoneo a costituire un diritto di superficie o altro diritto reale, vale a precludergli l’esercizio dello “ius tollendi”.

Ove lo “ius tollendi” non venga o non possa essere esercitato, i comproprietari del suolo sono tenuti a rimborsare al comproprietario costruttore, in proporzione alle rispettive quote di proprietà, le spese sopportate per l’edificazione dell’opera.

 

Corte di cassazione, Sez. Un civ. sentenza 16 febbraio 2018, n. 3873

Corte di Appello di Venezia, sentenza 9 agosto 2012, n. 1781

Cassa con rinvio

Primavera Forense

#mediazione #mediazionecivile #dirittireali

Cos’è la mediazione civile?

Cosa si può mediare?

Come posso tutelare i miei crediti con la clausola multistep?

Una risposta alla domande più frequenti

Facebook Comments
Share this post

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart