Cookie Policy Recesso del conduttore per gravi motivi: la comunicazione al locatore esige la specificazione dei motivi - Primavera Forense
Recesso del conduttore per gravi motivi: la comunicazione al locatore esige la specificazione dei motivi
/
/
Recesso del conduttore per gravi motivi: la comunicazione al locatore esige la specificazione dei motivi

Pubblichiamo una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore professionista.

“Nemo Iudex sine Mediatore” – Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile


Clausola di mediazione civile e arbitrato

LOCAZIONE

In tema di locazione di immobili urbani adibiti ad uso diverso da quello di abitazione, l’onere per il conduttore, di specificare i gravi motivi contestualmente alla dichiarazione di recesso ai sensi dell’art. 27 della legge n. 392 del 1978 ancorché non espressamente previsto da detta norma, deve ritenersi conseguente alla logica dell’istituto, atteso che al conduttore è consentito di sciogliersi dal contratto solo se ricorrano gravi motivi ed il locatore deve poter conoscere tali motivi già al momento in cui il recesso è esercitato, dovendo egli assumere le proprie determinazioni sulla base di un chiaro comportamento dell’altra parte del contratto, anche al fine di organizzare una precisa e tempestiva contestazione dei relativi motivi sul piano fattuale o della loro idoneità a legittimare il recesso stesso.

Primavera Forense

In particolare occorre precisare che – pur non avendo il conduttore l’onere di spiegare le ragioni di fatto, di diritto o economiche su cui tale motivo è fondato, nè di darne la prova (perchè queste attività devono essere svolte in caso di contestazione da parte del locatore) – si tratta pur sempre di recesso “titolato”, per cui la comunicazione del conduttore non può prescindere dalla specificazione dei motivi, con la conseguenza che tale requisito inerisce al perfezionamento della stessa dichiarazione di recesso e, al contempo, risponde alla finalità di consentire al locatore la precisa e tempestiva contestazione dei relativi motivi sul piano fattuale o della loro idoneità a legittimare il recesso medesimo. I motivi del recesso, quindi, devono essere enunciati nella dichiarazione stessa, e non possono essere esplicitati successivamente.

 

Corte di cassazione, Sez. III civ. sentenza 11 luglio 2017, n. 17067

Corte di Appello di Venezia, sentenza 24 aprile 2015, n. 732

Accoglie ricorso, cassa con rinvio

#mediazione civile #cessione azienda #responsabilità cedente

Facebook Comments
Share this post

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart