Il recesso anticipato del conduttore per gravi motivi sopravvenuti
/
/
Il recesso anticipato del conduttore per gravi motivi sopravvenuti


Pubblichiamo una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore professionista.

“Nemo Iudex sine Mediatore” – Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile


LOCAZIONE

In tema di recesso anticipato del conduttore ad uso diverso da quello abitativo, ai sensi dell’art. 27, comma ottavo, della legge n. 392 del 1978, quando i gravi motivi sopravvenuti dedotti dal conduttore si sono verificati prima della scadenza del termine per dare l’utile disdetta alla scadenza naturale del contratto ed il conduttore non l’abbia data, tale condotta, interpretata secondo il principio di buona fede, va intesa come rinunzia a far valere in futuro l’incidenza di tali motivi sul sinallagma contrattuale, dei quali può altresì presumersi la non gravità, poiché altrimenti sarebbe stato ragionevole utilizzare il mezzo più rapido per la cessazione del rapporto.

 

Corte di cassazione, Sez. III civ. ordinanza 13 giugno 2017, n. 14623

Corte di Appello di Roma, sentenza 8 gennaio 2013

Rigetta ricorso

Primavera Forense

Share this post

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart