Recupero Crediti: addio decreto ingiuntivo, benvenuta mediazione!
/
/
Recupero Crediti: addio decreto ingiuntivo, benvenuta mediazione!

L’alternativa al decreto ingiuntivo si chiama Mediazione

Com’è tristemente noto, uno dei primati italiani è la lentezza della giustizia: i tempi medi per la risoluzione di una causa civile in Italia sono di 1.185 giorni.

In materia di recupero crediti, il quadro è ancora più drammatico, considerando che in questo caso la durata media del contenzioso arriva addirittura a 8 anni (come è possibile leggere nel recente studio de Il Sole 24 Ore).Recupero Crediti: addio decreto ingiuntivo, benvenuta mediazione!

Anche quando, in sede di prima istanza, il giudice sentenzia un decreto ingiuntivo, la parte creditrice non può cantare vittoria: spesso, infatti, la parte debitrice tende a procrastinare il pagamento del debito, con conseguente aumento delle spese legali del creditore, il quale può vedersi costretto a rinunciare al diritto che gli è stato riconosciuto.

L’alternativa per recuperare un credito in tempi rapidi e certi, senza passare per il decreto ingiuntivo, esiste ed è alla portata di tutti: si chiama Mediazione.

Presentare un’istanza di Mediazione presenta enormi vantaggi:

  • Tempi minimi –  La durata media di una Mediazione è di due mesi, con eccezioni che vedono contenziosi chiudersi nella metà del tempo.
  • Costi ridotti – Le tariffe di mediazione sono prefissate dal Ministero della Giustizia e non cambiano durante la procedura, indipendentemente dalla sua durata.
  • Valore di sentenza –  Il verbale di conciliazione, che sancisce il successo della mediazione, rappresenta un titolo immediatamente esecutivo: ha lo stesso valore di una sentenza del Giudice.
  • Libertà di pianificazione – Le parti sono libere di fissare gli incontri in base alle loro esigenze, senza che una persona esterna (il Giudice) imponga loro le regole per la gestione della procedura.
Facebook Comments
Share this post

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart