Colpa medica: nell’intervento di “routine” spetta al medico provare l’imprevedibilità delle complicanze
/
/
Colpa medica: nell’intervento di “routine” spetta al medico provare l’imprevedibilità delle complicanze

Pubblichiamo, a cura del Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile, una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore civile professionista“Nemo Iudex sine Mediatore”


RESPONSABILITÀ MEDICA E SANITARIA

Colpa medica: nell’intervento di “routine” spetta al medico provare l’imprevedibilità delle complicanze

In caso di prestazione professionale medico-chirurgica di “routine”, spetta al professionista superare la presunzione che le “complicanze” siano state determinate da omessa o insufficiente diligenza professionale o da imperizia, dimostrando che siano state, invece, prodotte da un evento imprevisto ed imprevedibile secondo la diligenza qualificata in base alle conoscenze tecnico-scientifiche del momento. Ne consegue che il giudice, al fine di escludere la responsabilità del medico nella suddetta ipotesi, non può limitarsi a rilevare l’accertata insorgenza di “complicanze intraoperatorie”, ma deve, altresì, verificare la loro eventuale imprevedibilità ed inevitabilità, nonché l’insussistenza del nesso causale tra la tecnica operatoria prescelta e l’insorgenza delle predette complicanze, unitamente all’adeguatezza delle tecniche scelte dal chirurgo per porvi rimedio.

 

Vuoi un’agenda legale in omaggio? Clicca qui

Corte di cassazione, Sez. III civ. sentenza 13 ottobre 2017, n. 24074

Corte di Appello di Palermo, sentenza 25 marzo 2013, n. 560

Rigetta ricorso

 
Primavera Forense

#mediazione #mediazionecivile #responsabilitàmedica #complicanze

Cos’è la mediazione civile?

Cosa si può mediare?

Come posso tutelare i miei crediti con la clausola multistep?

Una risposta alla domande più frequenti

Share this post

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart